Archivio della categoria: Racconti

Prematuramente

Saiani inizia a preoccuparsi al tentativo numero ottantacinque. Era sicuro, in principio, che entro i cento tentativi sarebbe successo, che non poteva non succedere. Ora la sicurezza vacilla. Saiani si reca ogni tre giorni, tra le tredici e le quattordici,

Prematuramente

Saiani inizia a preoccuparsi al tentativo numero ottantacinque. Era sicuro, in principio, che entro i cento tentativi sarebbe successo, che non poteva non succedere. Ora la sicurezza vacilla. Saiani si reca ogni tre giorni, tra le tredici e le quattordici,

Repetition Press

La Repetition Press inciampa sul mercato canadese con un tentativo di ribaltamento di prospettive la cui portata è paragonabile solamente, forse, ditemi voi, credono loro?, a ciò che fece Duchamp apponendo la sua firma – peraltro falsa – su un

Repetition Press

La Repetition Press inciampa sul mercato canadese con un tentativo di ribaltamento di prospettive la cui portata è paragonabile solamente, forse, ditemi voi, credono loro?, a ciò che fece Duchamp apponendo la sua firma – peraltro falsa – su un

La situazione attuale

L’importante è non aprire, non per legge ma per buon senso. A ogni apertura qualcosa penetra dall’altra parte: un cassetto è un pericolo, l’anta di un armadio un pericolo maggiore, la finestra il terrore, la porta di casa fa perdere

La situazione attuale

L’importante è non aprire, non per legge ma per buon senso. A ogni apertura qualcosa penetra dall’altra parte: un cassetto è un pericolo, l’anta di un armadio un pericolo maggiore, la finestra il terrore, la porta di casa fa perdere

Da questa parte

Non era ancora iniziata l’epoca in cui le persone sospese mi tornavano in sogno, da sole o a piccoli gruppi, combattendo la nozione autoimpostami di non essere io. Era prima: la mia esistenza segnata da occupazioni e prospettive confuse e

Da questa parte

Non era ancora iniziata l’epoca in cui le persone sospese mi tornavano in sogno, da sole o a piccoli gruppi, combattendo la nozione autoimpostami di non essere io. Era prima: la mia esistenza segnata da occupazioni e prospettive confuse e

Dietro Berardi

Seguire il corso di un’idea, di una logica, si diceva Berardi, non è obbligatorio, presentendo forse dove l’avrebbe portato un passo ulteriore, cioè a dire a tutti i passi successivi, incatenati e pericolosissimi così come sarebbero apparsi tra l’indefinito, l’innumerevole

Dietro Berardi

Seguire il corso di un’idea, di una logica, si diceva Berardi, non è obbligatorio, presentendo forse dove l’avrebbe portato un passo ulteriore, cioè a dire a tutti i passi successivi, incatenati e pericolosissimi così come sarebbero apparsi tra l’indefinito, l’innumerevole

Il suo argomento preferito

Racconta ancora dei trapianti temporali, il suo argomento preferito. Ogni cinque o sei anni, dice, sostituisce il cuore, il fegato o altro – a seconda delle esigenze – con quelli di un quindicenne o giù di lì fra cento o

Il suo argomento preferito

Racconta ancora dei trapianti temporali, il suo argomento preferito. Ogni cinque o sei anni, dice, sostituisce il cuore, il fegato o altro – a seconda delle esigenze – con quelli di un quindicenne o giù di lì fra cento o

Un’estinzione imprecisa

Rimangono al mondo pochi esemplari di vero buio: non il buio che si racconta o che si vive abitualmente, suo discendente sbiadito, lontano generazioni, annacquato, involuto. Ne rimangono pochi esemplari, sopravvissuti chissà come a un’estinzione imprecisa. Ma non si riproducono:

Un’estinzione imprecisa

Rimangono al mondo pochi esemplari di vero buio: non il buio che si racconta o che si vive abitualmente, suo discendente sbiadito, lontano generazioni, annacquato, involuto. Ne rimangono pochi esemplari, sopravvissuti chissà come a un’estinzione imprecisa. Ma non si riproducono: