Intorno alle ventitré

orecchioMale incastrato tra i vicoli del centro, il mio appartamento si apre a infiltrazioni acustiche dai quattro punti cardinali: voci s’incanalano da più parti come folate centripete, riunendosi in soggiorno o battendo sulla porta finestra della camera da letto.
Non si conoscono tra loro, le fonti di ognuna, né si sospettano a vicenda. In casa esistono sovrapposizioni e giustapposizioni di timbri dialoghi imprecazioni che nessuno, a parte me, può ascoltare.
Impossibile, per la signora che alza la voce a nord-est contro un figlio, poco distante, sapere che da ovest le risponde un rutto profondo e lontano.
Sono convinto che intorno alle ventitré, quando ogni sera vengo interpellato da questo coro sconosciuto a se stesso, sia solo una mia impressione.
Per non prendermi per matto seguito a trattenere una risposta, che si gonfia si gonfia si gonfia ostruendomi, provocandomi spiacevoli episodi di apnea notturna.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: