Uno sì uno no

metaEsisto a secondi alterni. Agli altri occhi appaio e scompaio come una luce a intermittenza. Il mio tempo non è il loro, la mia metà di niente li spaventa di uno spavento curioso.
Le domande che ronzano in tutti, inespresse, io le conosco bene. Per esempio: a occupare la mia posizione nel secondo d’inesistenza, cosa accadrebbe nel secondo successivo? E poi la questione del sesso, naturalmente.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: