Prossimo treno fra sette minuti

metroIo sono quello che nella prossima metro avvererà la possibilità che tutti almeno una volta contemplano e nessuno teme davvero, in quell’affollamento che appare potenzialmente infinito, quasi per questo rassicurante, in cui uno in più non fa differenza, sempre uno in più a pigiarsi contro gli altri già dentro, ancora uno in più senza far differenza e ancora uno contro cui la porta automatica farà più attrito ma non differenza.
Io sono quello che farà differenza: all’ultimo momento, al mio ingresso, tutti sapranno che uno in più stavolta no. Resisterò alla chiusura sfidando tre studiatissime leggi fisiche e quando i portelli si salderanno nell’unione delle loro gomme a incastro sigillante il primo osso rotto innescherà un suono rapido di reazione a catena, lungo appena come quello di un guscio di noce nell’apposita chela, sotto la cui apparente unità si passeranno il testimone fratture a centinaia.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Un Commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: