Una storia alimentare

ciboSin da bambino la logica del cibo mi è apparsa inversa. Vedevo i miei genitori e mia sorella ingerire cose di loro gradimento e sbigottivo: le eliminavano così dal mondo, almeno nella loro forma originaria e appetibile.
Presi così sempre più spesso a correggere l’errore, in cui per quieto vivere mi ero lasciato indurre.
Con l’esercizio giunsi a masticare solo ciò che odiavo. Il conseguente cannibalismo, di cui spesso mi si accusa, è solamente un aspetto incidentale della faccenda, un effetto tra gli altri.
I muri in cui mi hanno rinchiuso, per dirne una, hanno un saporaccio.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: