Obiettivo cento tuffi

finestraLa prima – e ultima – visita in casa d’altri è la mia fonte favorita di sghignazzo.
Mi premuro di non accettare inviti a breve termine: almeno una settimana deve intercorrere tra la proposta e la sua attuazione.
In questo periodo di appostamenti, studio l’architettura dell’edificio e ne riproduco le velleità ordinatrici su un blocco da disegno, includendo gli immediati paraggi.
Dopo aver sorriso tra i baci baci dei miei ospiti ed espletato alcune formalità introduttive, individuo con sicurezza la finestra prescelta dall’esterno e la traverso di gitto, atterrando su calcolati cespugli o smorzando la caduta con rami e altre sporgenze non necessariamente appartenenti al regno vegetale.
In mancanza delle condizioni necessarie al volo, declino l’invito con irrisorio anticipo, al fine di generare nei padroni di casa, se non gli agognati prodromi di un infarto – concretatosi ahimè solamente in due occasioni –, perlomeno una sostenuta acredine nei miei confronti.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: