Pagina novantuno

tParola nuova incontrata in un libro, io ti maledico. Perché il libro è suo e tu sei bellissima, utile, vera: così mi appari. Sei la mia storia d’amore, finalmente extraumana e allo stesso tempo frustrata.
Ti posso cercare nelle bocche altrui come ora, a passeggio sul corso a divaricare mascelle di uomini e donne, ti posso incontrare su pagine altre e anteriori di secoli o anni, alla lettera t del mio dizionario… eppure per me sei la sua, e io quando voglio qualcosa divento peggiore, la voglio per me e non risparmio il mio odio, nemmeno se turba la quiete di un morto.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: