Invertendo tre e cinque

sigarettaSiedo in strada su un gradino, la sigaretta in bocca prima del turno.
Di fronte due coniugi azzimati – e non vorrei sentirli – incatenano l’un l’altro come anelli quattordici luoghi comuni. La pensano conversazione, questo scudo di certezze a poco prezzo, ripetendo pregiudizi, scambiandoli per senso, imponendoli all’intorno. Hanno fede in quattro cose, e questo manca a me che per consolazione provo a far di loro un tipo. Ma in un secondo mi ricordo di non essere affidabile.
Schiacciando il mozzicone m’imbatto nel facile anagramma tra creduli e crudeli.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: