Due sopra due sotto oppure infiniti

gozzanoMio padre il lettore ha detto camerista: non con cameriera mio padre il lavoratore ha ricordato Assunta, e il mondo per come lo conoscevo è in un istante finito.
Ogni poesia sovrapposta ad altra ad altre: questa, che mio padre la spia ha scoperto mischiando d’istinto due piani, in un piano malamente sovrapposto a una prima copia di se stesso. Vedo lo scarto: come un’ombra attraverso carta trasparente intorno a ogni lettera che mi suggerisce il doppione; nella scopa due carte non occupano mai esattamente la stessa superficie sul tavolo: ora vedo la carta la carta e il tavolo, guardo mio padre la distanza perdere senso come una parola ripetuta troppe volte e poi è il mio turno… e questo sfogliare che credevo finzione dei libri – così crede mio padre il bugiardo – è uno sfogliare identico e altro che credevo finzione del vero – così credevo io mal sovrapposto a mio padre a me stesso alla carta alla carta al tavolo a una poesia di un coso con due gambe.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: