Fiaba mille foglie

Io so dov’è andata a finire la notte, che non è più risorta e ha lasciato la valle accecata di sole perpetuo. Mi hanno mostrato come si fa a catturarla ma io non riesco a tenerla.
Si trova nel bosco, tra gli alberi che so uno a uno mentre gli altri li pensano uguali, una meta di gita, domenica dopo domenica, indifferenti gli sguardi.
Ora la notte che manca costringe a guardare di giorno e di giorno.
Si stancheranno dell’evidenza di strade di mura e finestre e verranno quassù per trovare un po’ d’ombra che non sia dentro casa a evocare la luce.
Oppure io sono scomparso e verranno a cercarmi con torce di buio.
Nelle facce inferiori di foglie e di rami i miei alberi assorbono notte.
La renderanno nel caso venissero a chiederla e solo in quel caso.
Ma tutta insieme la notte in un’ora in un’area da poco non può che schiacciare e poi nulla.
Io scappo lontano: non voglio vedere la notte infuriare, il paese sparire, la valle morire sul monte.

wood-forest

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: