Dodici ore

pennelliDue cose fondamentali: sono un nostalgico, il tempo è denaro.
Da quando la luce si è stabilizzata alle dodici e ventitré di un martedì estivo – sembra una vita, sono appena due anni – la mia esistenza è votata alla ricerca di un modo per tornare indietro.
Provvisoriamente, ho adottato la finzione.
Nella stanza vuota ho costruito un congegno a orologeria – sei mesi di progettazione, uno e mezzo di realizzazione – fatto di bracci meccanici, argani, pulegge, corde ma soprattutto pennelli e vernici.
Ogni settimana consiste nell’attesa del giorno libero: mi chiudo a chiave nella stanza senza finestre e attivo il macchinario, le cui parti tremano, ruotano, si capovolgono; il cui perimetro di setole dipinge realisticamente, minuziosamente, meccanicamente, dalle otto alle venti, l’itinerario primaverile di un sole a tempera su muro.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Un Commento

  1. Pingback: Solo uno: infinito | Carlo Sperduti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: