A questo ritmo ci vorranno tre giorni

piccionePensavo fosse un ordinario episodio fecale dell’anziana picciona incontinente stabilitasi con marito figli e nipoti sul bordo del balcone del piano di sopra, all’altezza del mio stendibiancheria. Invece no, invece no.
Mi colava un liquido bluastro dal centro della testa giù giù per la nuca fino al collo e alla schiena, tirando la pelle.
Per individuare il foro ho dovuto allargare l’immagine divaricando pollice e indice. L’ho scoperto sottile quanto un capello o al massimo un condotto di punto nero inesauribile.
Continua a uscire roba, a tratti metallizzata – posso indirizzarne il corso piegando la testa a nord sud ovest est – che subito coagula e indurisce come marmo.
Vorrei solo annotare, prima che la testa e le braccia s’immobilizzino, e rispondendo alle sicure domande di chi mi troverà nello stato in cui mi troverà, che non c’è nulla di male a farsi una statua, dopo una vita di modestie. Una piccola innocua soddisfazione.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: