Dopo lo zero e l’uno si vive comunque

2374_25.tiff

A seconda della lente che indosso, in casa vive un numero variabile di esseri, non necessariamente esistenti. Le lenti sono innumerevoli, inconcepibilmente sottili. Non ne conosco le caratteristiche tecniche: le ho trovate in un cassetto poco dopo il trasloco.
Ho trascorso mesi a provarne una gran quantità col fine di rintracciare nel caso la compagnia adatta all’umore del momento, finché mi si è insinuato dentro il dubbio, mutatosi in breve da bazzecola a terrore, che tra le lenti si nasconda lo zero. Un dubbio che, se da un lato mi ha convinto a farla finita con cambi così frequenti, dall’altro non mi ha dissuaso dall’indossare almeno una lente diversa al giorno, per evitare quella scomoda esistenza in cui sarei l’unico inquilino.
Entrambe le preoccupazioni si sono ridimensionate nel momento in cui, stamattina, i fatti mi hanno costretto a considerare i numeri negativi.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: