Sedici nella prima settimana

cimiteroSono state richieste le mie competenze di custode notturno presso il cimitero, poiché si è diffusa l’usanza tra gli adolescenti del luogo d’invaderne l’area per alleggerirsi di liquidi sulla tomba di un noto benefattore, caro alla memoria dei cittadini.
Agisco in incognito, naturalmente. La mia semiautomatica ne ha seccati non pochi già durante le prime veglie.
Aspetto l’alba per raccogliere i corpi e scavare prima dell’apertura: una sepoltura non si nega a nessuno e io lavoro lesto più di chiunque altro, grazie al brevetto della fossa lampo.
In breve, però, il camposanto in espansione ha iniziato a subire gli attacchi di altre generazioni, ansiose di ripagare, con la loro stessa moneta, i monelli defunti, mentre i compagni di questi ultimi non demordono.
Io colpisco tutti, indistintamente. Ogni notte e ogni mattino il lavoro aumenta. Sono però deciso a non richiedere un assistente. Di qui a pochi giorni dovrebbero essere finiti.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: