Almeno quattro

wcÈ un esercizio che mi tocca fare più volte al giorno. Mi fermo al centro del tinello e passo in rassegna, nominandole una a una, le cose: scaffale, parete, bottiglia, porta, tavolo, tovaglia, sedia, camino, televisore, quadro, orologio, telefono…
Solo così vado oltre e faccio pipì. Mentre sono in bagno, però, sento che manca qualcosa. La sicurezza fugge via.
Non sono più certo dello scaffale, della parete, della bottiglia… per la fretta del dubbio, per l’ansia della verifica, qualche goccia resta dentro come a voler provare, ingenuamente, un fatto.
Non cambia mai nulla, quando ricalco i miei passi, nemmeno il sospetto di aggrapparmi a una sporgenza incomoda e friabile.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: