Una o due

dottoreLe mie prime parole furono prima parola. L’ambigua esternazione fece sobbalzare mia madre sulla poltrona a idromassaggio.
Mi portò da uno specialista generico, ma quello si limitò a confermare la tesi che aveva già formulato lei a caldo: ero nato didascalia sbagliata. Tanti auguri.
Così ebbero fine le avventure del fantino Zavorra.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

Annunci

  1. Non è il primo (e non sarà l’ultimo) ad essere “nato didascalia sbagliata”.
    Certo è che, dovesse mai leggere queste righe, la NATO se la prenderebbe un sacco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: