A volte trascorrono quindici giorni

female1Quando lei esce occulto un accendino o un posacenere, una matita, un libro, lo sgrassatore, una t-shirt, un cappello, il sale grosso, una sciarpa che aveva indosso il giorno prima…
Naturalmente, non è detto che lei cerchi nell’immediato proprio l’oggetto nascosto, quindi devo ricordare dove metto ogni cosa, e la trama s’infittisce.
Ma arriva sempre il momento in cui inizia a vagare insieme ai suoi occhi.
Io, per un po’, fingo disinteresse. Poi le chiedo che cerchi e in un secondo glielo porgo.
Così, per gentile finzione, continuo a essere il suo eroe.

Questo racconto fa parte della serie 1 al giorno.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: